Comune di
Villar Perosa
Comune di
Villar Perosa
Comune di
Villar Perosa 
Il comune su link_facebook link_twitter link_youtube link_google link_rss
Stai navigando in : Territorio > Le Borgate
   Il Territorio
Le Borgate
Artero, Azzario, Barbos, Bolombardo, Campassi, Cappelleria, Careiria, Casavecchia, Caserme, Cavallari, Ciabot, Ciabot Comba, Ciardossina, Ciardossini, Ciarriere, Comborsiera, Didiera, Droglia, Frieri, Gottieri, La Croce, Miandassa, Molliere, Morana, Muretti, Odriva, Pra Martino, Prietti, Russa, Saretto, Sartetti, Serre, Vignassa, Vinçon.

Borgate principali di Villar Perosa - Documento di Dario Seglie -
Miandassa
Miandassa

Borgata molto antica, sede del ritrovamento della "Stele della Miandassa", preistorica incisione rupestre, ora osservabile al museo di Torre Pellice. L'abitato si trova nei pressi di Pra Martino, immerso nei boschi di castagno. E' presente un vecchio forno, una grande fontana e un pilone al centro della borgata, che di recente è stato totalmente restaurato dall' ADMO di Villar Perosa. Proprio questa importante associazione, si occupa del restauro e del recupero delle strutture della borgata, che altrimenti verrebbero dimenticate e perse: oltre al pilone è infatti presente nei pressi della borgata un'antica miniera di grafite, visitabile durante la festa della borgata a fine agosto, ed una bella e antica fontana, sita in un punto panoramico poco fuori dall'abitato.

La Borgata Miandassa: Il restauro del Pilone

Il pilone votivo di cui riportiamo la foto del suo restauro conservativo che l'ADMO ha voluto realizzare: promotore ed esecutore principale Mario Bella, il quale ha così portato a compimento, con l'aiuto di molti, un lontano progetto ideato con suo figlio Rossano, si colloca tra le più importanti per la storia della Val Chisone.
La Borg. Miandassa di Villar Perosa ha infatti il singolare privilegio di aver restituito importantissimi dati sulle fasi preistoriche ed antiche del popolamento umano delle Alpi occidentali. 
Il reperto archeologico più arcaico è costituito dalla Placca-Idolo che risale ai tempi preistorici, oltre quattromila anni fa; l'altro eccezionale ritrovamento è quello della Stele Romana dei fratelli Vibii, un cippo funerario risalente all'epoca dell'imperatore Augusto, circa duemila anni fa.
A questi dati si aggiungono ora quelli rilevati durante i recenti lavori di restauro del pilone: si è potuto stabilire che questo monumento conteneva i resti di una precedente costruzione votiva, testimonianza di una persistenze nel luogo di un antica tradizione religiosa. I dati archeologi, quindi, mettono in luce e documentano il fatto che in questa località della bassa valle è esistito un insediamento umano importante ed antichissimo, risalente alla fine dell'Età della Pietra, presente in Epoca Romana e ancora attivo in Epoca Cristiana, lungo il corso degli ultimi quattro millenni fino ai giorni nostri.



Pra Martino

Pra Martino

Non è una vera e propria borgata, sono osservabili solo alcune miande abbandonate e ormai diroccate. Fin dal passato è stato un luogo di collegamento tra Villar Perosa ed il comune di S. Pietro Val Lemina, attraverso il piccolo colle omonimo. Oggi è famoso soprattutto per gli sportivi, in quanto meta ciclistica apprezzata proprio per la possibilità di collegamento con la Val Lemina e la Valle di Grandubbione (comune di Pinasca). Inoltre i numerosi sentieri, soprattutto verso S. GIuliardo, la Fraita e S. Benedetto, sono apprezzati anche dagli amanti della corsa, del cavallo e, in inverno, per il fondo e le passeggiate con le ciaspole. Dalla cima del colle si può vedere un panorama eccezionale, fino a Torino e la collina di Superga.

Caserme

Caserme

Borgata molto grossa ed abitata, costituisce quasi un paese a se stante, si trova nei pressi della chiesa di S. Pietro, dopo il cimitero. Un tempo, prima della costruzione della Riv, con il conseguente spostamento verso la parte bassa del paese, era il centro più importante di Villar Perosa. Anche questa borgata è immersa nei campi e frutteti, e presenta la suo interno tutte le strutture che caratterizzavano gli abitati nel passato: forno, lavatoio, fontane, era presente anche la scuola, ormai chiusa da circa cinquant'anni.

Vinçon

Vinçon

Altra piacevole borgata da scoprire, si trova lungo la strada che porta alla b.ta Prietti. Oltre che le abitazioni tipiche, è da molti apprezzata per il paesaggio circostante, una serie di prati e pascoli disposti in modo ondulato, che sono piaceevoli in tutte le stagioni. E' inoltre possibile osservare un bel panorama su Villar Perosa e tutta la bassa Val Chisone.

Prietti

Prietti

Una delle borgate più grosse ed abitate di Villar Perosa, si raggiunge dalla strada che dalla b.ta Campassi svolta a sinistra verso la montagna, come riportano le indicazioni stradali. Presenta un notevole estensione, e si caratterizza per avere tutte le antiche strutture necessarie alla vita quotidiana: il forno, la fontana, il lavatoio. E' piacevole passeggiare per le stradine interne (ciariére), e scoprire i vari elementi che componevano la borgata in un passato non molto lontano E' un punto di partenza per numerose attività sportive, estive ed invernali, come riporta la scheda sui sentieri tra le borgate di Villar Perosa.

Muretti
Muretti

Nucleo abitativo che si caratterizza da due gruppi di case distinti, uno chiamato Muretti Inferiori, l'altro Muretti Superiori. Il primo si trova, più in basso, è ancora abitato ed ha una bella esposizione al sole. Si raggiunge imboccando la Strada dei Muretti, dal centro di Villar Perosa. Presenta una tipica disposizione di dorsale, cioè tutte le abitazioni concentrate su un promontorio, a differenza della tipologia di versante, con le abitazioni disposte lungo le curve di livello. I Muretti superiori sono poco più in alto e sono composti principalmente da un grande cortile, con la suo interno alcune abitazioni, più gli edifici rustici, stalla e rimesse. Al cortile interno si accede attraversando un bellissimo arco, detto rosta, molto raro in valle. Vicino si può osservare un bellissimo ed antico forno ancora funzionante.


Frieri
Frieri

Tipica borgata della bassa Val Chisone, si raggiunge in auto dalla Strada dei Muretti, che si imbocca proseguendo via XXIV maggio a Villar Perosa, oppure dalla starda per Pra Martino, seguendo l'indicazione per la b.ta Frieri, dopo essersi lasciati alle spalle il centro abitato di Caserme e la b.ta Droglia. Questo nucleo abitativo presenta diverse antiche abitazioni rurali, alcune ancora utilizzate per le attività agricole, con la tipica struttura a cortile interno. Lungo la strada si trova una particolare abitazione abbandonata, che si differenzia dalle altre per il suo stile architettonico più ricercato, che si rifà, in piccolo, allo stile neoclassico e liberty, probabilmente il proprietario era una persona più abbiente e in questo modo poteva distinguere la sua abitazione dalle altre, che presentano tutte, grossomodo, lo stesso stile architettonico. Sul retro dell'abitazione è inoltre osservabile il vecchio forno della borgata.


Didiera

Didiera

Borgata che si raggiunge a piedi, o in auto lungo la strada per Pra Martino, dopo la chiesa di S. Pietro in Vincoli e la borgata Caserme, svoltando a sinistra all'indicazione per tale borgata. Si caratterizza per avere uno splendido panorama su Villar Perosa e su gran parte della Val Chisone. E' ancora abitata e intorno al nucleo principale di case ci sono molti prati adibiti a sfalcio o a pascoli. Poco fuori dal centro abitato si può trovare un pilone votivo risalente al 1893, detto pilone dei Lerda (piloun d'i Lerda), cognome tipico, soprattutto nel passato, degli abitanti di questa borgata.

        
Effettua il login
              
Oppure registrati
Comune di Villar Perosa
Piazza della Libertà, 1 - 10069 Villar Perosa (TO)
Tel: 0121.51001
Fax: 0121.515322
Email: segreteria@comune.villarperosa.to.it
Partita IVA: 01136320015
Email: segreteria@comune.villarperosa.to.it
Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
consultare la pagina UFFICI
Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UF7TYW
Codice ISTAT: 001307
Codice catastale: M014
Codice fiscale: 01136320015
Partita IVA: 01136320015
Conto Corrente Postale: IT 60 J 07601 01000 0000 31026107
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 04 U 02008 31170 000101553069

Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

eng fra esp deu
ru chi ara por
Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento