stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
Utenti con dislessia
logo del comune
Comune di Villar Perosa
Stai navigando in : Territorio > Le Miniere
Le Miniere
In Val Chisone e in Val Germanasca nei tempi passati, c'erano molte miniere, dalle quali si estraeva soprattutto talco e anche grafite.Il talco era materiale più pregiato rispetto alla grafite, cioè più redditizio.
Per più di un secolo si cercó la grafite in tutto il territorio di Villar Perosa. Prima della miniera della Miandassa, nella zona esistevano già altre 10 o 12 miniere, mentre oggi nel territorio di Villar non ce ne sono più.
Dall'esame di una mappa dell'archivio comunale si è scoperto che già nel 1887, nella zona della Miandassa, esistevano almeno tre cave a cielo aperto di grafite o "terra nera". Queste cave erano poste su terreni di proprietà del Comune di Villar Perosa. Il Comune divideva in lotti la sua proprietà e li vendeva all'asta. Le cave erano già state sfruttate e la seconda cava sappiamo che aveva una lunghezza di circa quaranta metri, una larghezza di nove metri e una profondità di tre metri.
Consultando la mappa del comune di Villar risalente al 1916 circa, abbiamo ritrovato lo stesso appezzamento di terreno del documento del 1887, abbiamo visto che il "Territorio DI VILLAR PEROSA, Regione CIALARGIETTO, ROCCIACOTELLO, GIOSSAUD", corrisponde esattamente alla zona in cui si trova la miniera Santa Barbara, cioè fra il Colle di Prà Martino e la borgata Miandassa.
Ai giorni nostri invece, nei dintorni non sono rimaste miniere attive, neanche a San Germano Chisone, dove c'era un tipo di grafite più pregiata.

Fonte: Istituto comprensivo F. Marro, cd "Villar Perosa, un Paese nel mondo".
Miniere a cielo aperto

MINIERE A CIELO APERTO

Vicino alla miniera "Santa Barbara" si vedono dei resti di una miniera a cielo aperto.
Per portare su il minerale dalla cava costruivano una scala con due tronchi di alberi uniti da pioli e si arrivava fino a una profondità di 8 - 10 metri.
Il materiale estratto si trasportava con gerle, carrette, benne (grandi gerle).
In queste miniere lavoravano anche donne e bambini.

>


La miniera nel sottosulo

LA MINIERA NEL SOTTOSUOLO

La costruzione della miniera Prima di tutto era necessario costruire la galleria madre: si usava quasi esclusivamente il piccone, ma ogni tanto si faceva anche qualche mina. Quando si arrivava nel giacimento di grafite si adoperava solo il piccone e si cominciava a "coltivare" cioè a raccogliere la grafite.
A questo punto era necessario mettere binari con piccoli vagoni (Decauville).
I binari della galleria madre erano sempre leggermente in discesa per fare meno fatica nello spingere fuori i carrelli e nel far uscire l'eventuale acqua. 
La galleria era illuminata da luci prima ad olio (anche di noci) che facevano fumo ed erano molto fastidiose e poi con le acetilene. Gli attrezzi principali usati erano: picconi, pale, corde, caschi di cartapesta.

>


Il lavoro dei minatori

IL LAVORO DEI MINATORI

All'inizio nelle miniere ci lavoravano, bambini, uomini e donne. In seguito ci lavorarono solo più gli uomini.
Alla Miandassa in genere i minatori erano 3 o 4, al massimo 15 e negli ultimi tempi solo 2.
Il sig. Damiano racconta che lavoravano per 8 ore al giorno, solo in inverno e con la neve raggiungere la miniera non era semplice.
I minatori arrivavano dalla borgata della Miandassa e da quelle vicine, altre persone delle borgate si occupavano del trasporto a valle. Nei primi decenni di questo secolo anche donne e bambini portavano la grafite al mulino detto "pista", che in italiano significa "schiacciare".
A valle, i mulini davano lavoro ad altra gente.

Nell'immagine in basso viene raffigurato il Mulino per "eccellenza" di Villar Perosa, qui veniva raffinato il talco, dove ci sono i vagoni, oggi è una fermata del bus.

>


Il trasporto

IL TRASPORTO

In tutto l'800 e parte del '900 la grafite veniva trasportata su slitte, a dorso di mulo, di asini e anche di mucche.
Dal 1940 con la costruzione della strada di Prà Martino il trasporto avvenne con carri trainati da muli o asini e poi dai motocarri.
Nei primi anni il trasporto era effettuato anche da donne e bambini.Cominciava a questo punto il trasporto fino alla borgata Miandassa, dove c'era l'ufficio in cui si pesavano i sacchi, li contavano, pagavano i minatori e i trasportatori (tanto al miriagrammo).
Prima di arrivare al mulino la grafite veniva ancora immagazzinata in borgata Cascinette, una borgata più in basso.
Sulla strada Nazionale di Villar Perosa c'era un mulino della grafite che veniva anche chiamato "mulino della terra nera" ed era di proprietà della ditta Baldracco.
Qui le macine trituravano la grafite e la riducevano in polvere. Le ditte che la compravano mandavano dei camion a caricarla e la portavano via.

>


La grafite

LA GRAFITE

Da tutte queste miniere, si estraeva la grafite, un materiale molto refrattario che veniva utilizzato per fare gli stampi nelle fonderie.
Il materiale estratto non era tanto ricco, era di tenore medio-basso, perché conteneva poco carbonio; era utilizzato soprattutto per produrre le mine delle matite, poichè non si sfoglia, a differenza della grafite ricca che a contatto con l'aria diventa polvere.


   Il Territorio
Comune di Villar Perosa - Piazza della Libertà, 1 - 10069 Villar Perosa (TO)
  Tel: 0121.51001   Fax: 0121.515322
  Codice Fiscale: 01136320015   Partita IVA: 01136320015
  P.E.C.: villar.perosa@cert.ruparpiemonte.it   Email: segreteria@comune.villarperosa.to.it
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.Maggiori informazioni.